Home / Notizie / Apple acquista Workflow. Importanti novità in arrivo su iOS?

Apple acquista Workflow. Importanti novità in arrivo su iOS?

Negli scorsi giorni Apple ha ultimato l’acquisizione di Workflow, un utility iOS che collegandosi ai vari servizi ed app installate su iPhone/iPad, consente di velocizzare ed automatizzare un gran numero di operazioni. Semplificando di fatto le normali task quotidiane degli utenti.

L’app Workflow acquistata da Apple

Secondo quanto appreso da Matthew Panzarino di TechCrunch, la trattativa era già avviata da tempo, ma solo ora si è arrivati ad una conclusione positiva della stessa. Al momento comunque, non è dato sapere l’entità economica dell’accordo appena siglato, anche se è lecito pensare, vista l’importanza e la diffusione dell’app in questione, che si parli di parecchi milioni di dollari.

Il team di sviluppatori di Workflow, ridotto nel numero ma molto talentuoso, è composto da Ari Weinstein, noto jailbreaker iPhone, Conrad Kramer, Ayaka Nonaka e Nick Frey. Nell’ambito di questa acquisizione tutti e quattro inizieranno a lavorare all’interno di un team speciale di Apple, che si dedicherà a progetti particolari la cui esatta natura ovviamente resta top secret.

Solitamente, quando si completano acquisizioni di questo tipo, le app poi vengono rimosse da App Store. Apple, con una mossa abbastanza inusuale, ha lasciato Workflow disponibile e l’ha resa scaricabile a titolo gratuito. Probabilmente per non rovinare tutte le automazioni che milioni di utenti in tutto il mondo utilizzano ogni giorno.

Ma cosa fa di così incredibile e utile questo programma? In poche e semplici parole, Workflow è un utility che condivide alcuni dei principi dei servizi IFTTT, consentendo agli utenti di raggruppare piccole e semplici azioni per portare a compimento task più complicate. Vi faccio giusto qualche esempio dei tipici workflow che possono essere utilizati con l’app:

  • Accorciare l’url di un sito e copiarlo in automatico nella clipboard
  • Salvare nel Rullino Foto i video da YouTube
  • Unire delle foto per creare gif animate
  • Postare sui vari social network
  • Ridimensionare immagini create con programmi come Pixelmator e copiarle su iCloud Drive.
apple-acquista-app-ios-workflow
L’interfaccia grafica dell’app e i principali workflow che utilizzo

Detto quindi di questa importante acquisizione, resta da capire in che modo Apple possa sfruttarla a proprio vantaggio per migliorare in futuro iOS. Ho chiesto un parere a riguardo a due sviluppatori Italiani, Luca De Baptistis e Fulvio Scichilone. Queste le loro opinioni:

Luca De Baptistis:

Secondo me l’app e le sue funzioni verranno integrate in futuro per aggiungere della produttività pratica che manca da sempre ad iOS. Immaginiamo di prendere Workflow come è adesso e vederlo senza cambiare niente come una funzione nativa del sistema. Già cambierebbe tantissimo. Dando per scontato che ci lavoreranno ulteriormente per aggiungere migliorie e nuove funzioni…a lungo termine potrebbe essere una buona cosa e portare grandi vantaggi.

Fulvio Scichilone:

L’acquisizione dell’app Workflow da parte di Apple è una mossa interessate. Secondo il mio parere potrebbe indicare alcune nuove funzioni native dei successivi aggiornamenti iOS e il rilascio di nuove API ai Developers per sfruttare nuove funzionalità del sistema operativo. Sarebbe interessante un’integrazione con Siri, per poter effettuare azioni multiple con i comandi vocali, interfacciandosi alle app installate sui devices.

Da utente che utilizza Workflow su base quotidiana da molto tempo, i miei personali sentimenti a riguardo sono di speranza mista a preoccupazione. Da una parte credo che l’acquisizione possa portare innegabili vantaggi ad iOS, integrando nativamente tutte le automazioni offerte dall’app. Ma dall’altra parte, il timore è che tutto questo si trasformi in un servizio non più all’altezza dell’esperienza utente offerta fino ad ora da Workflow. Speriamo che l’azienda di Cupertino non abbia ultimato quest’acquisizione solo per poter controllare meglio un ottimo programma diventato magari troppo potente e versatile.

Voi cosa ne pensate? Fatemi sapere la vostra opinione commentando l’articolo.

Ricorda che puoi seguire MacPost attraverso la pagina Facebook, il canale Telegram e i profili su Instagram e Twitter.

Riguardo a Marco Murgia

Medico. Utente Apple e Nintendo di lunga data. Appassionato di tecnologia, film e serie tv. Admin del portale MacPost.it

Potrebbe interessarti anche

homekitty-database-online-dei-prodotti-compatibili-homekit

HomeKitty: database online dei prodotti compatibili HomeKit

HomeKitty è un database online che racchiude tutti i dispositivi in vendita compatibili con Apple HomeKit.