Home / Editoriali / Apple Watch: considerazioni ad un anno dal lancio

Apple Watch: considerazioni ad un anno dal lancio

Con l’arrivo di Aprile si avvia alla conclusione il primo anno di vita dell’Apple Watch. Queste le mie considerazioni su questo indossabile.

Sin dalla sua prima uscita l’Apple Watch ha suscitato in me tutta una serie di sentimenti contrastanti, non sapevo cosa pensare di questo dispositivo, non avevo idea di quale sarebbe potuta essere la sua utilità ma allo stesso tempo riusciva a suscitare in me una grande curiosità, e da bravo nerd amante della tecnologia e di Apple ho deciso di dare ascolto a quella che noi patiti chiamiamo “scimmia” ed ho quindi pensato di acquistarlo prima della sua commercializzazione Italiana, sfruttando la possibilità che mi era stata data dall’ottimo portale degli Stockisti.

apple-watch

Inutile negarlo, è stato amore a prima vista, sin da subito mi sono letteralmente innamorato di questo dispositivo, prima di tutto dal punto di vista estetico, il suo design lo trovo letteralmente affascinante e molto elegante, in particolare per quanto riguarda il modello in acciaio che è quello che ho personalmente acquistato; l’apprezamento per questo indossabile è stato poi garantito dall’innumerevole mole di cinturini, originali e di terze parti, che ogni volta donano al prodotto un look and feel completamente diverso, come se si avesse al polso un dispositivo diverso ad ogni cambio di cinturino.
Molti considerano Apple Watch un prodotto inutile, buono solo per dare l’ora e forse nemmeno questo, ma personalmente devo dire che invece io lo trovo estremamente utile e vantaggioso: molte volte mi sono trovato nella situazione, giusto per fare qualche esempio, di essere in un negozio e dover calcolare al volo lo sconto per un determinato acquisto, di essere in motorino ed aver bisogno di un navigatore, di avere la necessità di monitorare la mia attività cardiaca durante sforzi intensi, di dover controllare il tempo di percorrenza verso una specifica destinazione in baso al traffico presente, di inserire le mie spese quotidiane al volo, di mandare mail, messaggi e rispondere e/o effettuare chiamate mentre ero alla guida etc…etc…tutte operazioni che con Apple Watch svolgo molto più facilmente, senza avere la necessità di dover uscire iPhone della tasca. Apple Watch si comporta come un prodotto indispensabile quando le app di default e quelle di terze parti offrono un’esperienza di utilizzo diversa e migliore rispetto alle controparti su iPhone, e non quando cercano invece di emularne funzioni e specifiche.
Con la conclusione quindi di questo primo anno di vita non posso che ritenermi soddisfatto di Apple Watch, ma come sempre, in previsione dell’arrivo della nuova versione per questo 2016, c’è sempre spazio per migliorare, e sono convinto che gli ambiti dove Watch deve fare passi da gigante sono la velocità di esecuzione delle app, un audio più potente, uno store dedicato ideato e realizzato meglio ed una maggiore indipendenza da iPhone. La strada tracciata è giusta e il futuro quindi non può che migliorare…sperando che questo avvenga per tutte le considerazioni che ho appena fatto.
Voi cosa ne pensate? Come vi siete trovati con Apple Watch e cosa vi aspettate dalla seconda versione? Fatemi sapere la vostra opinione commentando l’articolo.

Riguardo a Marco Murgia

Medico. Utente Apple e Nintendo di lunga data. Appassionato di tecnologia, film e serie tv. Admin del portale MacPost.it

Potrebbe interessarti anche

iPhone X costa troppo? Nessuno ti obbliga a comperarlo!

Editoriale che analizza le solite puntuali polemiche sul prezzo di vendita di iPhone X.

  • Primnaver88

    Pienamente d’accordo con te su ogni aspetto, bella riflessione, complimenti